Castello Italia figura tra le 600 imprese italiane che, con un fatturato aggregato di 14,7 miliardi di euro nel 2020 e quasi 30mila posto di lavoro creati, hanno trainato lo sviluppo del paese in 5 settori strategici (prodotti industriali, tecnologia, vendita&marketing, alimentare e servizi&consulenza).

È lo spaccato che emerge dalla quarta edizione dell’indagine “Campioni della Crescita” dell’Istituto Tedesco ITQF: il prestigioso progetto, nato in partnership con La Repubblica Affari&Finanza, fotografa dopo un’attenta selezione la lista delle aziende-motore della ripresa economica del nostro paese.

La long list ha compreso oltre 25mila imprese con alto tasso di crescita ed è stata redatta tramite ricerca in banche dati pubblicamente disponibili, dati aziendali online, analisi di gare e portali di comunicazione. In totale queste fonti di ricerca censiscono circa 8 milioni di imprese italiane.

Per il secondo anno consecutivo Castello Italia viene inserita in questo prestigioso panel: un onore per l’azienda cremonese, recentemente acquisita dalla francese ARaymond, leader internazionale dell’innovazione e della componentistica per il settore automotive.

Un importante riconoscimento che attesta l’impegno di Castello Italia per crescita del paese e la inserisce – a pieno merito – nel panorama delle eccellenze italiane.